Vivere le Storie: Valentina e Federico

http://www.viverefermo.it/2017/06/06/vivere-le-storievalentina-e-federico-giovani-alla-carica/641373/
Q
ui il link all’articolo

 

Vivere le Storie:Valentina e Federico , giovani alla carica

05/06/2017 – Continua la nostra rubrica Vivere le Storie e dopo Maria, rimaniamo sempre a Smerillo, ma stavolta per portarvi al Fienile- stazione del gusto, dove ci attende una coppia speciale: Federico e Valentina.

Federico è originario di Montefalcone Appennino, ha 30 anni, un diploma Classico alle superiori e tanta esperienza nell’agricoltura, oltre ad una forte passione verso di essa. Figlio unico ha in gestione l’azienda di famiglia che si trova nel comune di Smerillo e ha ereditato dal nonno e dal babbo, tutta la voglia e la saggezza nel lavorare i campi e produrre prodotti tipici. L’essere figlio unico però, non lo ha di certo obbligato a mantenere intatti gli investimenti delle sue generazioni, ma ha scelto di vivere qui e continuare a credere nella terra.
Valentina invece, è originaria di Smerillo, ha 28 anni ed anche lei è diplomata al classico, mentre sta perseguendo la laurea in lettere a Macerata. Anche la sua famiglia, come avviene in molte zone dell’interno fermano-maceratese, abita in campagna ed ha messo in piedi una piccola azienda agricola. Lei vivendo ed essendo cresciuta in ambiente rurale, ha ereditato dai suoi questa passione e dopo aver lavorato per anni nel ristorante di famiglia, nel centro del bellissimo borgo smerillese, ha deciso di seguire una strada.
Non da sola però.
Infatti dal luglio del 2016, i due ragazzi, che non a caso sono anche fidanzatissimi da circa dieci anni, hanno preso in gestione uno stabile del comune di Smerillo, che si trova in contrada Valtenna. Lo hanno adibito a rivendita di prodotti agricoli rigorosamente delle zone vicine e sono molto soddisfatti.
Al Fienile si trovano prodotti biologici e convenzionali, provenienti dal Parco dei Monti Sibillini e soprattutto, da aziende terremotate che hanno la grande grinta di ripartire. Federico e Valentina vendono anche tutto ciò che serve per farsi un orto a casa, puntando su materiale Bio piuttosto che sugli annosi concimi. C’è spazio anche per gli animali e per tutto il loro mondo, dato che Valentina in particolare, è una grande amante di amici a quattro zampe di ogni razza. Ci tiene infatti a consigliare anche per chi ne possiede qualcuno, di badare molto alla qualità di ciò che diamo loro, perché è da qui che inizia e si sviluppa tutto il ciclo agricolo. Un’attività di filiera corta, diretta al settore economico/turistico, con l’intento di essere un punto d’incontro per chi vuole scambiare ciò che produce e chi vuole mangiare bene, assaggiando un territorio vivo e sano. Le attività dipendono anche  dai diversi periodi stagionali. Difatti in autunno i ragazzi sono molto impegnati nelle castagnate o nelle sagre, mentre in inverno, particolarmente in quello passato, vanno per la maggiore i cesti regalo. La primavera e l’estate sono però, i periodi migliori e questo anno lo sta già confermando, come racconta entusiasta Valentina, che è la contabile e responsabile del punto vendita. Federico è il titolare e si occupa più della gestione dei prodotti e del magazzino. Una coppia ben assortita di giovani, che vengono da una storia contadina e tradizionale invidiabile. Hanno scelto di gettarsi in un’avventura sicuramente lunga e per alcuni aspetti complicata, ma insieme e soprattutto scommettendo su loro stessi e sulla terra che li ospita. I Sibillini hanno bisogno soprattutto di ragazzi come loro, un esempio da seguire e perché no, imitare. Se passate per Valtenna di Smerillo, andate a salutarli.

 

di Marco Squarcia
redazione@viverefermo.it

Maria da Smerillo, saggezza sibillina

http://www.viverefermo.it/2017/05/15/vivere-le-storie-maria/638504/ Vai al link

13/05/2017 – Iniziamo una rubrica speciale, fatta di volti, di parole, di episodi, di aneddoti, fatta di vita. Sono le storie che ci hanno più appassionato, provenienti da un mondo magico e raro: i Monti Sibillini

Tenacia, grande sorriso, una forza incredibile e tanta tanta memoria. La storia che vi vogliamo raccontare, è bella per il semplice fatto che è verissima e purissima.
Un onore colloquiare con la signora di Smerillo che ha da poco spento, 105 candeline. Nessuno poteva immaginare che lassù, si vivesse così bene. Eppure non sono pochi gli esempi, gli ultimi dei quali in particolare a Comunanza, che testimoniano l’esatto contrario.
Maria ha il viso provato dal tempo, ma conserva una dignità e una fierezza, invidiabili.
La trovo con qualche acciacco in più, ma è sempre l’arzilla signora che ricordo.
Non è la prima chiacchierata che facciamo insieme infatti, anzi, quando passo davanti alla sua casa in arrivo ad Amandola o in partenza per la costa, mi fermo volentieri. Come questo pomeriggio, è un mercoledì di Aprile, ma Maria deve ancora fare pranzo. La figlia con cui vive ha avuto delle commissioni da sbrigare e lei ha atteso pazientemente il suo ritorno, col giusto appetito che si compete ad una signora. Tortelloni al ragù, un bel piattone e un sacrosanto bicchiere di vino bianco fatto in casa.
Suono ed entro. Come detto la trovo intenta a mangiarsi il suo piattone di pasta, ma appena mi scorge sulla soglia della camera, Il sorriso le si fa’ ampio. Sembra la prima volta che vede qualcuno che le sta molto a cuore. Ed è così in effetti. La saluto e le domando come sta.
“Bene, sto bene Marco. Meno di prima ma mi sento sempre più fortunata, perché io a quest’età sto ancora qui, mentre tanti più giovani, sono scomparsi da tempo. Ti sembra giusto?”
Mi spiazza, non me lo aspettavo un’affondo del genere. Nota il mio imbarazzo, mi sorride e addenta un altro boccone di pastasciutta.
Mi chiede di passarle il vino, poggiato sopra una cassapanca che deve essere molto antica.
Beve e mi chiede come sto. Me la sono cavata, ma tengo la domanda nella mia testa, in attesa della giusta risposta. Così l’aggiorno sulla mia vita, dato che è da qualche tempo che non la vedo e poi facciamo due chiacchiere trasportati dall’atmosfera del tempo che sembra fermarsi. Una donna ultracentenaria, lucida come non mai e un ventinovenne intento ad ascoltare ancora e ancora. D’altronde la sua vita è stata complicata, divisa tra le Marche, Roma e l’Africa. Un continente quello nero, che le ha lasciato il cuore pieno di affetto e ricordi. Mi narra un’episodio, di quando stava tornando in Italia col traghetto. Quella volta regalò una preziosa collana ad una ragazza sudanese, la quale la consegnò alla madre in segno di affetto e rispetto, ma intuisco che dietro c’era anche dell’altro, quando i suoi occhi le diventano lucidi. Passiamo ad altro. Guardo ed ammiro con grande rispetto, le tante opere a maglia che ha collezionato nel tempo, delle piccole presine piene di colori e brio. Ancora ricordo quando mi raccontò come iniziò a cucire e quale importanza ha avuto questo per lei, quando è diventata molto anziana.
“Fare a maglia mi da oggi la forza e la motivazione per alzarmi alla mattina. Se non avessi questa passione farei la fine di molti anziani, che stando bene nel letto, non si alzano più: è la loro fine. Io ho imparato quest’arte, perché di arte si tratta, a quattro anni, quando la nonna m’insegnava con molta severità, perché dovevi a quei tempi, saper fare di maglia. Una volta mi misi a piangere quando avevo cinque anni perché non mi riusciva un passaggio difficile e mia nonna per tutta risposta, mi dette due begli schiaffoni sulle mani, dicendomi:
“vedrai che ‘mo ‘mpari vè”.
Era vero come non mai. Mi applicai, ci misi la voglia che mi mancava e diventai un portento. Dovevi imparare quel piccolo mestiere alla nostra epoca.”

Ma Maria è anche una profonda lettric e ancora oggi, continua a divorare libri su libri, una passione che l’ha sempre accompagnata. E non solo, infatti Maria ci ha tenuto a farmi vedere anche una sua poesia scritta qualche anno fa’, a “soli” 95 anni, Piccolo fiore:

PICCOLO FIORE DESIDERATO SEI AL MONDO IL BENVENUTO, SIA BENEDETTO CHI TI HA CREATO E IL GENITORE CHE IN GREMBO TI HA PORTATO. SARAI SEMPRE ACCANTO A ME, FELICI SAREMO COME DEI RE.

Ovviamente la sua vita è stata segnata anche dal passaggio delle due guerre, la prima vissuta da neonata, ma la seconda da fresca trentenne, subendo le conseguenze che queste portano con loro. Ha rischiato la vita Maria, ma è stata sempre forte ed ha avuto la caparbietà anche di compiere scelte difficili. Tra una chiacchiera e l’altra, saltano fuori anche le molte prelibatezze preparate per il famoso Voccò, ovvero lo spuntino di metà mattina dei contadini di decenni di anni fa’. Ricette semplici e genuine, da far invidia ai grandi chef stellati odierni.
Tanti aneddoti, tanti episodi di anni vissuti fieramente, ha narrato a chi è stato capace di ascoltare e che ancora oggi magari è disposta a raccontare, a chi abbia la pazienza di sedersi di fronte a lei nella sua cameretta.
Col suo solito sorriso allegro e rilassato, da far invidia a molti ragazzi della nostra gioventù, mi invita prima di uscire, a prendere delle presine come regalo. A nulla servono i miei rifiuti gentili, è una prassi che rispetto volentieri, in ricordo di una bella amicizia, che narra una storia sibillina speciale che può essere un monito incredibile per ripartire.
Di sicuro una testimonianza preziosissima per tutti, da cui imparare tantissimo e che può farci capire in pieno il senso della vita e di quanto essa vada vissuta in modo lento e pieno.
Prima di salutarla però, le devo ancora una risposta a quella domanda che mi aveva lasciato disorientato. Decido di dargliela:
Cara Maria è giusto che tu stia qui, per permettere a noi di poter godere della tua saggezza Sibillina. Finchè hai quella forza che ti vedo addosso e quella serenità fuori dal tempo, non c’è cosa più giusta, credimi.
Esco con le presine in una mano e la vedo sorridermi dalla sua stanza, fiera e felice.

di Marco Squarcia
redazione@viverefermo.it

Reperti storici nel fermano

http://www.cronachefermane.it/2017/02/28/clamorosa-scoperta-torna-alla-luce-la-necropoli-dei-piceni/56280/

ffff

Premio Citta’ di Fermo 2016

12241228_557606577721920_2056028516595418133_n fermo PREMIO CITTA' DI FERMO 2016

Marco Squarcia

http://marcosquarcia.com/le-poesie-2/  il link

quarta_copertina_72dpi copia

Sibillini

images (1) 0
images (2) 3Sibillini

Dicono siano solo immagini

P1260475 P1260448 P1260369 P1260467

L’Amandola

10896910_1557516267829257_7645188637818753623_n 10959748_10153802856209298_621293987080528312_n cropped-img_5290

Amandola- Smerillo, borghi incantati

10411297_1536341866613364_6879272967696108236_n 10830901_1535235940057290_8999158904819671216_o Teatro Veduta_Teatro 10906418_1545174035730147_6671420749789026617_n 10906237_1545174845730066_7031150384481185769_n 1601424_1543338009247083_8088999084666235421_n 10926407_1543693762544841_8842996544944290696_n

Varie Sibillini

P1290421 P1290374 P1290365 11295823_811378255637069_2054828828279577738_n

Cati CreACtive

Creative Recycling Art & Craft

La Baita dei Saperi e Sapori Brembani

rivivere la cultura locale e le sue tradizioni, per scrivere il domani con la storia di ieri

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

Bartolomeus Blog

Riflessioni di attualità politica e culturale

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Informagiovani Ancona

informazioni, notizie e consigli per l'autonomia dei giovani

Lost in the Supermarkets

GDO - Gioie e DOlori - Un blog da consumatore

Beni Culturali 3.0

Promuovere Tutelare Valorizzare

existence!

Le site de Jean-Paul Galibert

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

doppiovolo

Uscire dalla Violenza

terradimagie

Just another WordPress.com site

adolfomarinangeli

Adolfo Marinangeli - Blog

L'oro dei folli

Siete pronti a imbarcarvi sulla nave dei folli? Questo documentario vi mostrerà come.

Simone Corallini

FilmMaker & Photographer